Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

Firenze vuol ricavare energia dalle vecchie briglie dell’Arno

Posted by curiositybox su 6 febbraio 2008

Le vogliono trasformare in piccole centrali idroelettriche. Pubblicato un bando di gara

Recuperare le vecchie briglie dell’Arno per trasformarle in piccole centrali idroelettriche. Si concretizza in questi giorni l’idea lanciata dalla Provincia di Firenze. L’ente, presieduto da Matteo Renzi, ha pubblicato un bando di gara per individuare il project financing, che permetterà di realizzare i 13 interventi individuati lungo l’asta del fiume che va dal Valdarno fiorentino fino al comune di Signa. Una seconda gara pubblica assegnerà poi la realizzazione pratica della proposta progettuale che risulterà più interessante.

arno1.jpg foto dell’arno scattata dal fotografo Giuseppe Sergi (copyright)                                                                                                                                                      foto di Giuseppe Sergi

Dalle stime fatte si calcola la possibilità di produrre 47 GW (ogni gigawatt è pari a un milione di KW) per un valore di nove milioni di euro l’anno. A tal fine, l’amministrazione provinciale si è dotata di un primo studio di fattibilità realizzato in collaborazione con l’Università degli studi di Firenze (dipartimento di Scienze della terra). A conti fatti, l’ente risparmierebbe 47 milioni di euro sulle spese di manutenzione, e avrebbe un introito di circa duecentomila euro l’anno come diritti di concessione.
L’intenzione è dunque di ricavare energia pulita dalle «traverse», in parte vecchie di secoli e oggi in pessimo stato di conservazione, che hanno acquisito nel tempo un ruolo di «regimazione» delle acque, anche se erano state realizzate prevalentemente a scopo di produzione di forza motrice. Attualmente sul corso del fiume Arno, nel territorio di competenza della Provincia di Firenze, esistono una ventina di traverse, chiamate anche briglie. Sebbene costruite in tempi diversi, oggi le briglie costituiscono un sistema in grado di diminuire la pendenza e la capacità erosiva del corso d’acqua. Per questo motivo la Provincia intende procedere alla ristrutturazione e alla rimessa in funzione di queste opere di ingegneria idraulica, ma la spesa necessaria per il ripristino di tali strutture risulta difficilmente sostenibile, soprattutto viste le disponibilità di bilancio di questi anni.

(Fonte e–gazette)

(05 Febbraio 2008)

Annunci

Una Risposta to “Firenze vuol ricavare energia dalle vecchie briglie dell’Arno”

  1. Beppe said

    era l’ora che qualcuno si muovesse…. abbiamo tante risorse nel nostro territorio da usare.

    interessante l’articolo e complimenti per la bella foto di Giuseppe Sergi.

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: