Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

HIV – Nuovi antibiotici dal sangue dei coccodrilli

Posted by curiositybox su 1 settembre 2008

Un gruppo di ricercatori australiani e americani ha accertato che questi animali sono dotati di potenti anticorpi che sono in grado di uccidere organismi virali come quello dell’HIV

 

Dal sangue dei coccodrilli, che si distinguono per i potenti anticorpi che li proteggono dalle infezioni, un’equipe mista di scienziati australiani e Usa sta sviluppando una rivoluzionaria linea di antibiotici che promettono di uccidere anche il virus dell’Hiv/Aids.
Gli studiosi del Crocodylus Park, nota attrazione turistica australiana e centro di ricerca di Darwin, nel Territorio del nord, insieme ai colleghi della McNeese State University della Louisiana, hanno raccolto una ricca serie di campioni di sangue dei rettili, per isolare le componenti chimiche degli anticorpi e quindi riprodurle e sintetizzarle nella formulazione di nuovi farmaci.
I coccodrilli e gli alligatori hanno un potentissimo sistema immunitario innato.
Spesso perdono degli arti nelle feroci battaglie territoriali, in un acqua che pullula di microbi infettivi – spiega Adam Britton del Crocodylus Park – ma raramente soccombono a malattie.
”Il loro sistema non ha bisogno di una precedente esposizione per diventare immune. Se si prende una provetta di Hiv e si aggiunge siero di coccodrillo, ha un effetto assai più potente del siero umano, può uccidere un numero assai maggiore di organismi virali Hiv”, ha detto Britton alla radio Abc.
I campioni di sangue raccolti nelle ultime settimane da coccodrilli in cattività e allo stato libero, saranno ora analizzati negli Stati Uniti dallo scienziato americano Mark Merchant.
E la ricerca ha già prodotto risultati promettenti. ”Siamo sul punto di isolare una proteina nei globuli bianchi dei coccodrilli che mostra una forte attività antivirale”, ha detto Merchant. ”Ora che gli antibiotici conosciuti diventano sempre meno efficaci, dobbiamo trovare delle alternative, e sarà solo questione di tempo, prima di poter produrre una nuova classe di antibiotici basata su questa ricerca”, ha assicurato.
Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: