Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

STARGATE PERUVIANO???

Posted by curiositybox su 17 agosto 2009

Una enorme misteriosa struttura simile ad una porta è stata scoperta recentemente sulle montagne Hayu Marca nel Perù meridionale. Hayu Marca, 35 chilometri dalla città di Puno, è stata riverita a lungo dagli indiani locali come la “Città degli dei”, e non è mai stata completamente esplorata a causa del terreno montagnoso accidentato. Benché nessuna città sia stata ancora scoperta, molte delle formazioni rocciose della regione assomigliano a edifici e a strutture artificiali. La porta di Aramu Muru, o “Puerta de Hayu Marca” (Portale degli dei/spiriti) è stata in qualche periodo del lontano passato intagliata in una parete di roccia ed in tutto misura esattamente sette metri di altezza per sette metri di larghezza con una nicchia più piccola nel centro alla base, che misura un po’ meno di due metri d’altezza. Jose Luis Delgado Mamani è incappato nella struttura mentre faceva trekking sulle colline circostanti cercando di familiarizzare con la zona, dal momento che il suo lavoro è fare la guida per alpinisti.
“Quando ho visto la struttura per la prima volta, sono quasi svenuto…” ha detto Mamani in un’intervista con la stampa locale. “Ho sognato una tale costruzione ripetutamente per molti anni, ma nel sogno il tragitto verso la porta era pavimentato con marmo rosa, e con statue di marmo rosa allineate sui due lati del percorso. Nel sogno vedevo anche che la porta più piccola era aperta e c’era una luce brillante blu proveniente da quello che sembrava un tunnel luccicante. Ho parlato molte volte con la mia famiglia di questi sogni, e così quando finalmente ho guardato fissa la porta, era come una rivelazione di Dio. Come si fa a spiegare un avvenimento così strano?”

AUTORITA’ ARCHEOLOGICHE
Dopo aver scoperto la porta agli inizi di quest’anno (1996), Mamani ha contattato le autorità archeologiche di Puno, La Paz e Lima, e in poco tempo l’area è stata assediata da archeologi e storici degli Inca. Si è scoperto che gli indiani nativi della regione avevano una leggenda che parlava di “un ingresso verso le terre degli dei”, ed in quella leggenda era narrato che in tempi remoti, grandi eroi erano andati a congiungersi con i loro dei e passarono attraverso la porta per una gloriosa nuova vita di immortalità, ed in rare occasioni quegli uomini tornavano con i loro dei per “ispezionare tutte le terre del regno” attraverso la porta. Un’altra leggenda narra del tempo in cui i conquistadores spagnoli giunsero in Perù, e saccheggiarono oro e pietre preziose dalle tribù Inca – ed un prete Inca del tempio dei sette raggi di nome Aramu Maru fuggì dal suo tempio con un disco sacro d’oro conosciuto come “La chiave degli dei dei sette raggi”, e si nascose sulle montagne di Hayu Marca. Egli raggiunse infine la porta che era sorvegliata dai preti sciamani.
Mostrò loro la chiave degli dei e fu celebrato un rituale a conclusione del quale ci fu un evento magico scatenato dal disco d’oro che aprì il portale, e, secondo la leggenda, da un tunnel interno fuoriuscì della luce blu. Il prete Aramu Maru diede il disco d’oro allo sciamano e quindi passò attraverso il portale “e non sarebbe più stato visto”. Gli archeologi hanno trovato una depressione circolare della dimensione di una mano sul lato destro del piccolo ingresso, e hanno teorizzato che è lì che un piccolo disco poteva essere piazzato e sostenuto dalla roccia.

VISIONI DI STELLE

Secondo alcuni individui che hanno posato le loro mani sulla piccola porta, si parla di un senso di energia fluente, e anche di strane esperienze come visioni di stelle, colonne di fuoco e il suono di una musica ritmica insolita. Altri hanno detto che hanno percepito tunnel all’interno della struttura, sebbene nessuno abbia ancora trovato una fessura che mostri la possibilità di apertura della porta, al contrario l’opinione professionale è che non c’è nessuna porta reale, dal momento che la cornice e l’ingresso ed il retro della nicchia sono tutti scolpiti nella medesima roccia. E’ interessante notare che la struttura assomiglia innegabilmente alla porta del sole di Tiahuanaco e a cinque altri siti archeologici che si collegano tra loro mediante linee rette, una croce con le linee che si incrociano tra loro nel punto in cui si trovano l’altopiano e il lago Titicaca. Notizie che arrivano da quella regione, degli ultimi venti anni, indicano una notevole attività UFO in tutte quelle zone, specialmente sul lago Titicaca. La maggior parte delle segnalazioni descrivono sfere blu luminescenti e oggetti bianchi brillanti a forma di disco. La leggenda menzionata sopra si conclude con la profezia che la porta degli dei un giorno si aprirà “molte volte più grande di quanto sia ora…” e permetterà agli dei di ritornare nelle loro “navi solari…”. Questo mi suona familiare!!

Paul Damon

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: