Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

capelli al posto del silicio: ragazzo inventa un pannello solare che funziona grazie a capelli umani

Posted by curiositybox su 9 settembre 2009

Un nuovo tipo di pannello solare che fa uso di capelli umani è stato sviluppato da un giovanissimo inventore. Milan Karki, di soli 18 anni, proveniente da un villaggio nel Nepal, ha trovato la soluzione per risolvere il problema del fabbisogno energetico nel mondo.

Il giovane inventore ha affermato che i capelli sono più facili da utilizzare rispetto ai semiconduttori di solito usati nei pannelli solari e questo potrebbe rivoluzionare le energie rinnovabili.

I capelli sostituiscono il silicio, che è il costoso componente tradizionalmente usato nei pannelli solari e permettono ai pannelli di produrre energia a basso costo.

Il pannello che Milan ha realizzato come prototipo è in grado di generare una potenza di 18 W ed è basato sul principio che la melanina, un pigmento che dà il colore ai capelli, è sensibile alla luce e si comporta come un conduttore. Poiché i capelli sono molto più economici del silicio, il dispositivo avrà un basso costo. Quello che vediamo realizzato dal giovane inventore ha richiesto una spesa di 23 sterline, corrispondenti a poco più di 26 euro.

 

 

fonte: http://miaplacidusedaltriracconti.blogspot.com/2009/09/un-ragazzo-di-18-anni-inventa-un.html

 

Annunci

3 Risposte to “capelli al posto del silicio: ragazzo inventa un pannello solare che funziona grazie a capelli umani”

  1. savonarola said

    Non si può di certo dire che non ci abbia messo la testa nella sua invenzione!!!!

    Mi piace

  2. Cougar said

    http://sites.google.com/site/edwardcraighyatt/hairsolarpanelnepal

    parrebbe un falso. E’ sempre spiacevole imbattersi in bufale.

    Mi piace

  3. Alessandro said

    L’energia elettrica non è stata inventata dall’uomo ma à proprietà esclusiva del Pianeta Terra fin dalla sua creazione. Per questa proprietà molti materiali terrestri,ognuno per la loro caratteristia atomica, possono essere influenzati sia dai campi elettrici naturali del pianeta e sia dalla luce solare che,in per se stessa, appartiene sempre al campo elettrico. La costituzione atomica del capello lascia molto a desiderare come conduttore elettrico ma puù essere influenzato dalla luce per effetto della sua pigmentaosi che giustamente agisce sulla colorazione del capello stesso. Pertanto se il capello stesso fosse un trasduttore dell’energia elettrica naturale o solare ci verremmo a trovare in un bel guaio con la nostra testa, cervello e fisico tutto, in quanto “antenna” ricevente di tali energie non trascurabili oltre agli infiniti campi di energia elettrostatica configurantesi in ogni luogo del pianeta. Oltre a ciò è da tenere da conto che il capello,in tutti suoi tipi, è biodegrabile nel tempo ed oltre a questo,non si conoscono sistemi per il fattivo congiungimento elettrico e la sua polarizzazione circa il flusso atomico dei suoi elettroni.Sno fenomeni di fotosintesi discarso rilievo.-

    Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: