Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

Smascherata la bufala sul minino dei ghiacci artici. 5 istituti internazionali su 6 la smentiscono!

Posted by curiositybox su 21 settembre 2011

 

Clima, nubi & scienze Climatologia

Scritto da Luciano Serangeli

Martedì 13 Settembre 2011 17:02

Mentre alcune persone come il blogger americano Joe Romm in particolare, si affannano a propagandare il recente comunicato dell’Università di Brema che suggerisce che un nuovo minimo record dei ghiacci artici è stato raggiunto l’ 8 settembre 2011 con 4,24 milioni di kmq, ( vedi: http://iup.physik.uni-bremen.de:8084/amsr/minimum2011-en.pdf ) cinque altre fonti ufficiali dei dati del mare di ghiaccio, NSIDC, JAXA, DMI,CRYOSPHERE TODAY e NANSEN, non sono d’accordo con questa affermazione sul nuovo record (almeno non ancora). 

Mentre per ora è tutt’altro che sicuro che non si raggiunga un nuovo record minimo, in quanto le correnti atmosferiche, quelle del vento e dell’oceano potrebbero ancora determinare una svolta verso il basso, il grafico NSIDC suggerisce che ci potrebbe addirittura essere stata una svolta in senso contrario nell’anno in corso.

n_timeseries1

NSIDC estensione del ghiaccio marino Artico – clicca per ingrandire.

Qui di seguito, è stata aggiunta una linea verticale per mostrare il punto di svolta per la media 1979-2000 (in rosso) e come si confronta con i dati attuali NSIDC.

nsidc_n_extent_turn-point_2011

La linea rossa indica il punto di svolta per la media 1979-2000 – clicca per ingrandire.

Il grafico JAXA, che utilizza un sensore satellitare diverso (AMSRE vs SSMI) suggerisce ugualmente che non abbiamo ancora raggiunto un nuovo record minimo e che potrebbe esserci stata la svolta annuale verso la crescita dell’estensione del ghiaccio.

amsre_sea_ice_extent_l1

JAXA estensione del ghiaccio marino Artico – dati giornalieri – clicca per ingrandire.

L’Istituto meteorologico danese (Danish Meteorological Institute ) mostra più o meno lo stesso:

icecover_current1

Danish Meteorological Institute-Dati giornalieri estensione ghiaccio artico – clicca per ingrandire.

Il plot del NANSEN’s Arctic ROOS mostra una svolta simile, e suggerisce che non solo non abbiamo raggiunto un nuovo record minimo, ma che la misura non è scesa sotto quelle del 2008!

ssmi1_ice_ext1

NANSEN Artico ROOS – estensione del ghiaccio marino – clicca per ingrandire.

CRYOSPHERE TODAY ha un plot delle anomalie che mostra come finora, il 2011 non ha superato il minimo record del 2007.

seaice-anomaly-arctic1

CRYOSPHERE TODAY – Arctic Sea Anomaly Ice – clicca per ingrandire

CRYOSPHERE TODAY ha un grafico ad area, che potete vedere qui , che sembra corrispondere al minimo del 2007, ma a differenza di altri fornitori di dati non fornisce comparazioni delle misure anno per anno, ma solo stagionali ( clicca per vedere ).

Per estensione, solo l’Università di Brema (vedi sotto) mostra esserci stata quest’anno la più bassa estensioni dei ghiacci senza mostrare alcuna svolta recente…

Eppure utilizza lo stesso sensore SSMI, esattamente come Nansen e NSIDC!!

Per cui la differenza di risultati deve essere per forza di cose, in maniera evidente, nel trattamento dei dati!!

ice_ext_n1

Università di Brema misura ghiaccio marino – clicca per ingrandire

Dato che cinque altre fonti di dati del ghiaccio marino artico non mostrano un nuovo record minimo e suggeriscono che la svolta in senso contrario ( crescita dei ghiacci ) potrebbe essere stata imboccata, sembra strano ( anzi equivoco ) che l’ Università di Brema esca fuori dal coro a dichiarare un nuovo record minimo,nota bene, in anticipo sulla fine della stagione dello scioglimento dei ghiacci dell’Artico.

La formulazione del loro comunicato stampa che leggete qui sotto sembra assai poco scientifica e più di un po’ sopra le righe:

– Messaggio di avviso dall’Artico:

L’estensione del ghiaccio del Mare Artico ha raggiunto l’8 di settembre 2011, con 4,240 milioni di Kmq un nuovo minimo storico. I fisici dell’Università di Brema ora confermano l’apprensione esistente dal luglio 2011 che lo scioglimento del ghiaccio nella regione artica potrebbe ulteriormente procedere e anche superare il precedente minimo storico del 2007. Sembra essere chiaro che questa è una ulteriore conseguenza della causa umana del riscaldamento globale con conseguenze mondiali. Conseguentemente, i mezzi di sussistenza di piccoli animali, alghe, pesci e mammiferi come orsi polari e foche sono sempre più ridotti. ”

La risposta al perché un tale linguaggio possa essere usato, forse prematuramente,a fronte di altri set di dati che attualmente non sono d’accordo, si può trovare nella prossimità del Climate Reality Project (aka the Gore-a-thon) il 14-15 settembre.

Al bisogno insomma di qualcosa a cui aggrapparsi malinconicamente, perché il ghiaccio marino non ha ripetuto nel 2008, 2009 e 2010, i minimi record del 2007 e perché l’Antartide non è stato cooperativo con "l’allarme fusione generale", rimanendo noiosamente "normale" e anche "sopra il normale" l’anno scorso.

Conosceremo la risposta, quando vedremo se questa missiva di Brema è inclusa nella prossima presentazione di Al Gore.

Potete scommetterci che sarà così!

Al riguardo del fatto che l’estensione del ghiaccio marino artico, abbia subito unarecente svolta al rialzo nell’anno in corso, notate nella mappa sottostante, come nelle principali zone in cui albergano i ghiacci, la temperatura dell’aria superficiale è ben sotto lo zero.

Così spetterà eventualmente al vento, alle correnti oceaniche e ad altri capricci del tempo, determinare se abbiamo già toccato nei giorni scorsi la soglia minima annuale di estensione dei ghiacci, o se ci sarà ancora qualche perdita a venire.

sfctmp_01-fnl1

Nel caso in cui ci sia già stata la virata verso un incrementodell’estensione delle superfici ghiacciate, ciò si sarà verificatocirca una settimana prima del solito.

Attenzione: ci potrebbe essere ancora un’altra discesa verso il basso dell’estensione dei ghiacci, come è già accaduto nel2010 e nel 2007, quindi non si può essere pronti adaffermare una svolta al rialzo certificata, ma il quadro generale sembra incoraggiante.

Fonte notizia: http://wattsupwiththat.com/

Una Risposta to “Smascherata la bufala sul minino dei ghiacci artici. 5 istituti internazionali su 6 la smentiscono!”

  1. Pare che ora ci troviamo con un deficit di poco meno di 3 milioni di kmq di ghiaccio marino artico; passaggi aperti e calotta quasi dimezzata tra agosto e settembre. E’ un fatto irrilevante?

    Mi piace

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

 
%d blogger cliccano Mi Piace per questo: