Curiositybox

Personaggi, Avvenimenti, Notizie, Invenzioni e Curiosità dal Mondo della Scienza

Posts Tagged ‘gatti’

Cani e gatti, danno le stesse emozioni dei figli?

Posted by curiositybox su 1 settembre 2009

 

family portraitFarà sicuramente storcere il naso a molti questa ricerca giapponese che ritiene cani e gatti capaci di dare ai loro proprietari le stesse emozioni di un figlio. Secondo un team di biologi dell’Azuba University, infatti, chi accarezza e coccola il proprio animale, fa aumentare il livelli dell’ossitocina, un ormone legato alle emozioni dell’amicia, dell’amore e dell’essere genitori.

Questo ormone è in grado di combattere stress e depressioni, aumentando invece l’autostima. La ricerca si è basata sull’analisi dell’urina di 55 padroni di animali, alcuni dei quali hanno giocato per più di un’ora con il proprio quadrupede. Nei padroni che hanno interagito con i propri animali, i ricercatori hanno rilevato un aumento del 20% di ossitocina.

Questa scoperta conferma soprattutto la validità scientifica della pet-therapy, utilizzata per curare molte malattie, e per la quale la comunità medica mostra sempre un maggiore interesse, grazie alla sua capacità di dare ai pazienti sensazioni positive e rilassanti.

Foto | Kevin N. Murphy

fonte: http://www.benessereblog.it/post/2543/cani-e-gatti-danno-le-stesse-emozioni-dei-figli

 

Posted in benessere, curiosità | Contrassegnato da tag: , , , , , | Leave a Comment »

I gatti ci «corrompono» con le fusa

Posted by curiositybox su 31 agosto 2009

 

Lo svela uno studio britannico

 

 

I felini emettono un suono che ottiene l’attenzione umana facendo leva sul senso materno

 MILANO – C’è un detto che recita: «I cani hanno padroni, i gatti hanno degli schiavi». Che si sia d’accordo o meno, a confermare la teoria che vuole i felini come abili e sottili manipolatori degli umani che di loro si prendono cura vi è ora una ricerca britannica. Realizzata dalla dottoressa Karen McComb della University of Sussex e pubblicata sul giornale scientifico Current Biology, l’analisi ha svelato come gli amici gatti riescono effettivamente a sfruttarci e a farsi accontentare grazie a un “miao” tutto particolare. 

QUESTIONE DI MIAO – Sarebbe infatti un modo speciale di fare le fusa, mescolato a un miagolio basso che in qualche modo ricorda il pianto di un neonato, l’arma segreta utilizzata dai gatti quando hanno bisogno di attirare la nostra attenzione per ottenere ciò che desiderano, ossia – il più delle volte – cibo o una lettiera pulita. Infatti, a differenza del solito miagolare insistente, che spesso porta il padrone di casa infastidito ad allontanare il gatto dalla stanza, questo verso particolare è irritante ma al tempo stesso irresistibile, e non può essere ignorato.

FREQUENZE IRESISTIBILI – Analizzando la reazione a diversi tipi di miagolio da parte dei partecipanti allo studio – sia possessori di gatti che non – la dottoressa McComb ha potuto stabilire che le fusa miste a tale tipo di pianto suscitano attenzione anche in quanti non hanno mai avuto un micio. Secondo la studiosa inglese, infatti, sono emesse a una frequenza che agisce sul cervello dell’uomo e attiva l’istinto di protezione che normalmente entra in gioco quando dobbiamo prenderci cura dei bambini. In pratica, quando il micio emette questo verso, sentiamo la necessità impellente di accontentarlo purché smetta. Ed ecco spiegato perché al mattino, appena svegli, non c’è verso di riuscire ad andare in bagno o di farsi un caffè se prima non si è dato da mangiare a Felix, che con il suo miagolio irresistibile e misterioso ci guida sapientemente verso la ciotola e la busta dei croccantini.

di Alessandra Carboni

fonte: http://www.corriere.it/

 

Posted in biologia, curiosità, scienza | Contrassegnato da tag: , , | Leave a Comment »

Gattopass: Telepass per gatti

Posted by curiositybox su 9 febbraio 2009

 

Realizzato da un ingegnere, permette al micio di entrare e uscire liberamente da casa anche quando i padroni non ci sono.

Andare in giardino per arrampicarsi su un albero e gironzolare liberamente per le vie del quartiere in cerca di qualche altro simile. Questo il sogno segreto di ogni gatto domestico che non abbia perso la sua natura felina. Come riuscire però a conciliare il desiderio di libertà di Micio senza essere costretti a lasciare porte e finestre aperte e rischiare così di ritrovarsi in casa tutti i gatti del vicinato?

L’idea è venuta a un ingegnere elettronico padovano, 59 anni, amante degli animali e proprietario di due soriani, Arturo e Isotta, che, ispirandosi al meccanismo che sta alla base del Telepass, ha progettato niente meno che Gattopass, un sistema elettronico in grado di permettere al micio di entrare e uscire di casa anche quando il padrone non c’è, è in ufficio o a fare shopping.

Perché il gatto sia libero di uscire anche in assenza del suo proprietario non si dovrà fare altro che installare su una parete della casa – meglio se questa si affaccia sul giardino o il cortile del condominio o, nel caso in cui non si abiti a pian terreno, sul pianerottolo dello stabile – un piccolo tunnel dotato di un sistema elettronico di controllo e con entrambe le estremità protette da due ante trasparente basculanti.

Le due porticine, normalmente abbassate, si solleveranno solo al passaggio del gatto autorizzato che verrà riconosciuto dal sistema grazie a un microchip appeso al suo collo (vedi foto). Un’antenna posta sull’ingresso del tunnel intercetterà la bestiola che si appresta a entrare e, dopo averla identificata, libererà il passaggio verso l’interno, impedendo a qualsiasi altro animale di varcare la soglia di casa.

Ma non è tutto. Ciascun proprietario potrà anche impostare gli orari di libera uscita del gatto e chiedere al sistema di tenere traccia di tutti gli movimenti dell’animale (vedi box a lato).

Per ridare la libertà al proprio gatto non resta dunque che collegarsi al sito dell’azienda che ha messo a punto il sistema elettronico che controlla l’apertura delle ante e acquistare un Gattopass. Il vostro micio ve ne sarà grato… A meno che il suo spirito felino non si ribelli all’idea di una libertà vigilata.

Marcella Gaudina

fonte: news2000.libero.it/webmagazine

Posted in curiosità, società | Contrassegnato da tag: , , , , , , | Leave a Comment »

 
%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: